Amministratore

Circa Amministratore

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora Amministratore ha creato 30 post nel blog.

24. Appendice

Appendice       Lettera aperta a un Dirigente ASL     Gent.mo Dott. R. P. Responsabile Capo Distretto ASL Roma XXX       Non ci conosciamo, mi chiamo Federico e oggi sono stato in un ufficio che dipende da Lei e vorrei dirle che, mio malgrado, ho vissuto un momento di estremo disagio. Ma iniziamo da principio. Ho una nonna di 99 anni

24. Appendice2021-06-08T16:08:42+01:00

23. 10 marzo 2014

10 marzo 2014   Sono trascorsi quattro anni da quell’incidente. È giorno. Solo, su tortuose strade di provincia, sto per raggiungere quella località di mare dove nonna Emilia cadde, spezzandosi un femore sotto il peso dell’età. Sul sedile posteriore mia madre, guarda il panorama di monti, boschi e sassi aggrappati come monumenti al cielo terso, fuori dal finestrino. Ofelia, il mio paese, sta scomparendo sotto

23. 10 marzo 20142021-03-29T08:36:47+01:00

22. Mare

Casa al mare. Stanotte nonna mi ha chiamato. Non riusciva a dormire. L’ho aiutata ad alzarsi. Ci siamo presi uno yogurt.   “Buono”, ha detto. “Con te sto bene”. “Nonna?!”. “Eh?!”. “Quest’anno fai novantanove anni”. “Ma dimmi tu!”.   Evviva!     Si può essere felici a 99 anni? Beh, a pensarla superficialmente si dovrebbe subito dire che sì, certo, se si arriva a quell'età

22. Mare2021-03-29T08:37:03+01:00

21. NOVANTASEI

Sei mesi dopo. Era il 19 settembre 2010. Eccoci qua. Sono trascorsi circa sei mesi dall’incidente che ha causato a mia nonna la frattura del femore, con l’intervento e tutto il resto. Oggi sono certo di poter dire d’aver fatto tutto quello che era in mio potere per aiutarla. Senza forzare la mano. Senza anteporre i miei diritti a quelli degli altri. No, tutt’altro. Non

21. NOVANTASEI2021-03-29T08:37:35+01:00

20. 7 ottobre 2010

Ottobre, 7. Verso casa   Inutile temporeggiare. Aspettare che il tempo faccia il suo corso sperando altro. È come guardare il fondo del burrone su dal ciglio. Un passo già fin troppo avanti per retrocedere. Firmo tutto quello che c’è da firmare. Mille volte su e giù tra gli uffici e la corsia per capire quali fogli manchino: quali autorizzazioni, quali firme e dove,

20. 7 ottobre 20102021-03-29T08:37:48+01:00

19. Cento…

Cento... Cosa ti scriverà in nome di una comunità un sindaco, nonna?!     Alla Sig.ra Emilia, quanti sentimenti ha provato il suo cuore, e quanto lavoro hanno svolto le sue mani? Quanto amore ha dato e quanto amore ha ricevuto in Cento Anni, mentre il mondo cambiava sempre di più? C’è una frase di uno scrittore francese, Marc Levy, che mi piace moltissimo e

19. Cento…2021-03-29T08:38:08+01:00

18. CENTO

100       Come sarebbe bello festeggiare insieme i tuoi cento anni nonna. A dispetto di tutto. A dispetto di tutti quei fantocci che ho incontrato sulla nostra strada, così apparentemente comprensivi eppure così inutili, che si arrendono prima ancor prima davanti a te, ai tuoi anni, alle loro carte citate in punta di diritto, neanche fossero minacciati da un plotone d’esecuzione. Ofelia affogherà,

18. CENTO2021-03-29T08:38:26+01:00

17. Mi dica i prezzi

Mi dica i prezzi o mi darà del noioso se le parlerò di diritti     Lo so, non siamo tutti uguali. Ci sono storie che alcuni di noi si portano dentro. Le stesse che altri non vedranno se non inciampandoci sopra, presi quanto sono dal corrersi addosso. Ho visto più umanità nel pensiero di un gatto che in una festa di raccolta fondi per

17. Mi dica i prezzi2021-03-29T08:38:43+01:00

16. OTTO

La mia generazione ha vissuto una delle più grandi illusioni del novecento: la meritocrazia. Peggio: la democratica illusione. O l’illusione democratica. O la democrazia stessa. Insomma, Requiem. Mi spiego. La democrazia si basa su un concetto tanto semplice quanto rivoluzionario: il principio di uguaglianza. Secondo la teoria, si è tutti sullo stesso piano. Siamo tutti uguali dinanzi alle leggi che disciplinano il vivere civile, la

16. OTTO2021-03-29T08:39:33+01:00

15. 95

Ophelia sta affodando e muore con un sorriso congelato impresso sulla fronte. Sulla soglia dell’ingresso esterno c’è la solita sbarra biancorossa, con annessa pertinenza del vigilantes. Anche qui. Una immagine che si perpetua. Dovrebbero guardare chi arriva dietro dal vetro, i vigilantes ovviamente assenti. Parcheggio con qualche difficoltà: pieno. È orario di visita e qui arrivano tutti in auto. Non c’è altro modo. Gli orari

15. 952021-03-29T08:39:10+01:00
Carica altri articoli
Torna in cima